sandonatovaldicomino.net

Vai ai contenuti

Menu principale:

Suddista

Canti e Tradizioni

Nel 1995 Fulvio Cocuzzo include nel suo album " Siante e Breghiante" questa canzone, risposta "arrabbiata" del sud oppresso al credo della Lega Nord


!Suddista ,
scine , so suddista ,
Nen facete tanta mosse ,
Le sacce ì quanta me costa .
Suddista , mbèh , pruopia suddista
E mo ste fatte ve glie vuoglie fa ntrà n’testa .
I’ la storia de sta terra la chenosce buone
Ca la so leggiuta , ma ne m’avasta .
E sacce pure tanta cose che ne stiave
N’cima aglie libbre de scola
Glie fiave apposta !

Mo ve racconte quanta sangue iave scennate
E quanta terra iave arate glie antenate .
E quanta terra hanno arato gli antenati
Quanta secule de botte , de meseria e de cazzuotte
E bastenate seme avute .
Quanta fame , malatie , pestelenze ,carastie
N’iave atteccate , e tarramute .
E allora saria tiempe de dì forte
Ca nu ne seme scucciate .
E mo basta !

Se se tratta de scruccà ,
Se se tratta d’abbettà
Seme glie prime della lista . Suddista !
Ma le sapete vu , quanta cazze de cemiente
S’è retrevuata sempre a seppertà sta pora gente ?
Ma le sapete vu , sta Terra de Lavore
Quanta lacreme è rialate a chi veniva da segnore ?
Chi è che n’c’é passate , chi è che n’c’é magniate ?

Chemenziarne glie Romiane che pertavane la legge
Dope a isse tanta gente che n’sapeva manche legge :
Ostrogote , Bizantine , Longobarde , Saracine ,
Glie chiù pegge desgraziate , zuzze, lulle e sgamelliate ,
Che de fame , grazie a Die , ne tenevane na freca .
Glie Normanne che venivane da n’fregna che glie ceca .
Federiche glie tedesche , Angioine e Aragonese,
Carlottave che se n’ebbe a fuie dope quacche mese
C’iave state glie Spagnuole , bella nzerta de mariuole ;
L’ Austria sule pe trent’ianne , perciò n’fece tanta danne .
E alla fine aglie cafone ce attecchiarne glie Borbone .
Quande apuò de lebbertà se chemenza a raggenà ,
Recchetiglie glie Francese e ce aèmma fa le spese :
L’uguaglianza eva la scusa pe papparse case e cese .
Finalmente aglie Otteciente , vì che bieglie crepamiente ,
Tutte s’uote dà da fà ,tutte n’uote fa le bene
E se vieve a scarepuà pe spezzarne le catene .
Ma la storia nen se sposta e alla fine che ne resta ?
Sule n’avetra batosta , tante p’allengà la lista !
Suddista !

Suddista ! Suddista , scì , seme suddista.
La vita a ste paese le sapete cumm’è tosta .
Suddista ,e allora ? Mbèh , suddista ,
Poche lire n’zaccoccia , seme cresciute a pasta .
Tanta siante che teneme n’ciele
Se recordane de nu soltante quand’è festa .
Preggessiune ,eleziune , deveziune , votaziune ,
Nen c’è stata maie resposta .
Glie politiche , glie preite , glie dottore , glie avvocate
N’iave sempre scurtecate .
Glie esattore delle tasse , pe respette della legge
N’é trattate pure pegge .
Da mill’ianne le verete o no , cumme n’iave redutte ?
Stracche , strutte e cule rutte !
E allora sarìa tiempe de dì forte
Ca nu ne seme scucciate .
E mo basta !

Se vé l’ora de scruccà
De fà danne e d’abbettà
Seme glie prime della lista .
Suddista !
Quande venne Garibbalde che mille Garibbaldine
Chi sa che veleva fa , fece sule ne casine .
Re Vettorie steva pronte a calà daglie Piemonte
E pe farne stà seggette a ne turze de Prefette
N’è mannate barzagliere , carcere e carabbeniere .
E glie povere pezzente ,
se n’z’è muorte da bregante ,
Parte che ne bastemente e va a zappa da emigrante .
Ma glie fessa ch’é remaste , pe cient’ianne s’é serbite
La camorra , glie mafiuse , glie abbuffine de partite .
Mo t’arriva quacche sceme ; dice : ne ve ce veleme ,
Perché vu meridionale sete zuzze e materiale !
Sì capite , tu , che gente ? Prima , razza de nfregliune ,
Vieve a rompe glie chegliune ca ne vuote lebberià .
Sì capite che curagge ? Prima vieve ca ce sierve
Alla catena de montagge , e mo se vuote screià !
Ma so ì ca me ne scappe , ca tu a me ne me te piappe .
Tu te sì fatte la Lega ? Sià che cazze me ne freca ,
I me facce na nazione : solamente Meridione .
Dice ca n’ce la faceme ? Nen fa niente ,n’arrangiame ,
E , abbituate cumme steme , bene o male la scampame
Pegge a te ca n’ce sià stà abbetuate alla besogna
Ca stavota t’ià arretruà o t’attiacche a sta zampogna .
E s’avassema scruccà pe peterne lebberià ,
Nu seme de razza tosta che fa male quande pista .
Suddista !



Torna ai contenuti | Torna al menu