sandonatovaldicomino.net

Vai ai contenuti

Menu principale:

Le campà

Canti e Tradizioni

Le campà (Quess'é)

Sonetto di autore anonimo che rappresenta una metafora della vita. Viene recitato da Fulvio Cocuzzo durante alcuni suoi spettacoli, e nel suo sito ufficiale è disponibile in formato mp3


Ne zenalucce che ne panierine,
Glie prime iuorne d’asile… e sì frecate.
Vacce alla scola tutte le matine!
Dope la scola arriva glie soldate,
La fatìa, le tabbacche, glie quatrine,
La casa, l’atemobbele, le rate.
Te spuse: èsse glie figlie, oie che destine,
Sì viecchie e nen sì ancora resciatate!
Glie figlie se ne viave… é n’illusione:
Ce ò rà na mane a cresce le criature?
E te salute chella cco penzione.
Intante iave arreviate glie delure
E tra na freve, na tossa e na nezione,
Te bieglie muore e te la piglie n’cure!


Torna ai contenuti | Torna al menu